GLI AMICI DI LUI

Quando ti fidanzi con un ragazzo, non ti metti solo con lui, ma anche con i suoi amici. Farsi accettare dalla cerchia di amici del tuo lui è un’ardua impresa forse più che conoscere i genitori, si perchè alla fine i genitori sono due, gli amici molti di più; e non è facile inserirsi in un gruppo ormai consolidato da anni. E’ come pretendere di inserirsi in un gruppo affiatato alla Friends.. mi spiego???

28c79aac89f44f2dcf865ab8c03a4201

Non è facile, ribadisco, eppure non è impossibile. Il fatto è che quelli sono amici suoi, e per quanto possano diventare anche tuoi, non sono certo quelli che hai scelto tu nel corso delle tue vicissitudini. Tuttavia è importante inserirsi nel suo gruppo, almeno un pò, o almeno facendoglielo credere, perchè significherebbe altrimenti, a un certo punto della relazione, pretendere una scelta tra loro e voi.

E’ quello che è successo a me. Non mi ero integrata coi suoi amici e ammetto che mantenevo un atteggiamento ostile, prevenuto e quindi chiuso. Non solo, ero anche gelosa del suo migliore amico (e probabilmente la cosa era reciproca). Questo col tempo ha portato non poche problematiche tra me e il mio Lui. Arrivati ormai a un BEP (BREAK EVEN POINT) capii che forse era ora di cambiare atteggiamento. Per quanto ancora la strada è lunga e tortuosa, posso assicurarvi che il mio rapporto con Lui è rinato.

Voi vi siete mai trovate in questa situazione? Come l’avete risolta? Oppure, c’è chi si è rifiutata di integrarsi con le sue amicizie? Pensate sia possibile una tale circostanza in una relazione di lungo periodo?

 

Annunci

L’IMPORTANZA DEL PAP-TEST

Dopo aver scoperto che ci sono donne di 35 anni che ancora non hanno mai fatto un pap test, e che quando gli parlo di Papilloma guardano il collo del mio ragazzo come se avessi detto papillon, mi sento in dovere di aprire questo 2016 con un argomento fondamentale per noi donne: il PAP TEST. Avanti forza, chiamate il vostro (o la vostra) gine di fiducia e fatevi fissare presto un appuntamento. Adesso non voglio generare il panico ma ci tengo a insistere che la visita ginecologica venga inserita tra le routine annuali che ogni donna a partire dal primo rapporto sessuale deve prefiggersi di fare.

Io sarò anche esagerata visto che ho iniziato ad andare dal ginecologo a 16 anni, ancora vergine.. perchè convinta di non avere il “buco”; ma questa è un’altra storia.. insomma nel 2016 tutte le fedifraghe in questo campo non rimandino altrimenti, è tempo di controlli! Se sei ancora vergine invece procedi col vaccino (che non ti renderà tuttavia completamente immune).

Questo è un tema che mi preme particolarmente, soprattutto a partire da un pap test di qualche anno fa che diede esito POSITIVO. Lì per lì il panico, poi mi sono aggrappata alla speranza che la risposta fosse errata (come a volte accade). Così iniziò un periodo di esami e attese, e nel mio caso anche di cure; lo stress è stato tale da procurarmi una candida che rallentò il tutto. Purtroppo gli ulteriori accertamenti (HPV test, Colposcopia, talvolta anche Biopsia) confermarono la POSITIVITA’ della situazione, che ai miei occhi appariva tutt’altro che positiva. Da lì mi si aprì un mondo: mi sono documentata, e per certi versi anche appassionata all’argomento (ad esempio ho scoperto che Evita Peron è morta di Papilloma Virus). Ci sono numerosi tipi di papilloma, classificati per numero, divisi tra quelli ad alto e basso rischio cancerogeno; tuttavia gravità a parte, la cosa più spaventosa è che non ci sono cure, ma solo la tua volontà aiutata da una scatola di integratori che rinforza il tuo sistema immunitario per affrontare questa battaglia. Il papilloma virus colpisce tutti indistintamente, donne e uomini, e nel 90% dei casi ognuno di noi ospita questo virus senza accorgersene almeno una volta nella vita (il corpo poi lo debella naturalmente come un raffreddore). Pertanto nei casi peggiori bisogna esportare la parte lesa del collo dell’utero attraverso la conizzazione, operazione che fortunatamente non compromette future maternità.

Avete capito l’importanza del pap test.. ??? So che non è un’esame piacevole, ma non è neanche doloroso; e se il problema è il denaro basta prendere appuntamento con il consultorio della tua città per eseguire l’esame gratuitamente. Insomma basta rimandare e basta scuse.

6a00d83475e79053ef01b8d05f2f9d970c-800wi

Per quanto riguarda me, grazie al cielo, sono fuori dal tunnel, ma mai abbassare la guardia.. il prossimo mese infatti, ho già la mia visita di controllo prenotata.